14 maggio 2016

Pensavo fosse lotta, invece era un "Giovanni" - Riassunto in breve -

2013 - 2016 - Vivo a Quito. 
Dolori forti durante il ciclo mestruale. Il ginecologo mi dice che è perché vivo a 3mila metri sul livello del mare. "Non è necessario un Pap-test"
Pizzica matrimoniale!
Marzo 2015 - Mi sono sposata con David e in Ecuador sono venuti anche i miei genitori. 
Maggio/Ottobre 2015 - Ho trovato lavoro, finalmente dopo mesi.
Visita dallo pneumologo per tosse. Non ho niente.
 Comparsa di tantissime allergie alimentarie.
Ottobre 2015 - Analisi per la tiroide, lamento stanchezza costante, collo gonfio, dolori addominali, mal di stomaco e pancia costanti. Mi dicono che non ho niente, i dottori mi danno 3 mesi di Omeprazolo (che non prenderò mai). 
La dottoressa "di fiducia" mi prenota per Gennaio 2016 una visita dal gastroenterologo, perché forse ho un po' di acidità. 
Novembre 2015 - Una grossa compagnia inglese mi ha assunta per fare il MIO lavoro: l'operatore turistico. 
Febbraio 2016 - "La vacanza"
Stavo bene con me stessa.
Novembre 2015 - Non mi sentivo bene da mesi. 
Dicembre 2015Sono peggiorata. Passo 24 e 25 piegata in due dal dolore alla pancia. Oramai l'ibuprofeno non mi fa più effetto. Ma nessuno mi crede, dicono che sono esagerata e che sono le Ande.
Gennaio 2016 - Ci ho lavorato su. Nel senso che me ne sono fregata e mi sono distrutta di lavoro, nonostante sintomi sospetti di qualcosa che non andava bene. Perdite occasionali, mi dicevo che era cistite. 
Febbraio 2016 - In vacanza con David, durante un momento di intimità, ho un'emorragia. Il giorno dopo siamo a Quito e il primo giorno utile dal ginecologo (un'altro, una dottoressa). 
19 Febbraio - Risultato del Pap - Test: ADENOCARCINOMA MALIGNO - Chiamato poi GIOVANNI, per rendere le cose più facili a tutti. 
Non una lacrima. 
19 febbraio 2016
22 Febbraio - Biopsia da sveglia e in 15 minuti. Volo a Guayaquil a lavorare, ma non mi sento bene e torno il giorno successivo. I risultati dovrebbero arrivare il 17 Marzo, riesco ad averli prima in maniera non ufficiale e non sono buoni, Giovanni cresce ed è alimentato.
27 Febbraio - Un oncologo ecuadoriano mi consiglia vivamente di volare in Italia perché non c'è tempo da perdere, Giovanni cresce in fretta. Ancora non riesco a capirci niente. 
28 Febbraio - Volo in Italia
29 Febbraio - Arrivo a Napoli
1 Marzo - Trovo un ginecologo Doc DeS, mi prenota colposcopia e chirurgo.
2 Marzo - Colposcopia.
3 Marzo - Visita con il mio Doc Bello. Mi piace, mi fido di lui.
4 Marzo - Prenotata Biopsia, stavolta in ospedale e con anestesia.
17 Marzo - Biopsia. Giovanni inizia a ribellarsi, forti dolori, perdite costanti.
31 Marzo - Dopo 7 ore di operazione, Giovanni è stato tolto. Insieme a lui, 40 linfonodi pelvici. 
8 Aprile - Esco dall'ospedale. Non ho molta sensibilità sulla gamba destra. Devo aspettare i risultati istologici per stabilire la terapia.
27 Aprile - I risultati sono usciti. I 40 linfonodi erano quasi tutte metastasi. Giovanni in stadio 3B.
13 Maggio - Non ho ancora iniziato chemio e radio. Teoricamente inizio il 20.


La mia vita è cambiata in un week end. 

Inizio a scrivere perché ne ho bisogno e perché le persone devono sapere che con l'allegria si può stare bene. 
Come dicono gli Iron Maiden: No more tears, amigos, no more tears!

Ringrazio VIVAmente: Chiarottide, David, Mamma, Babbo, Cachecca, Otario, Pauela, Miocognato, Rè, Clòclò, Gae, Danilo, Damianino e i suoi genitori, FabbioMancini, Maccofrè, Little Ball e Signora, TerryTerry, Doridottola, il BarBusi ed ogni singola persona che mi fa ridere. 
Valeria, Sara, Marzia e Lorenzo 'ngopp a tuttequante.

Nessun commento:

Posta un commento